Lettera per la mamma morta

Non è semplice scrivere una lettera per la mamma morta: le emozioni prendono il sopravvento e ci si ritrova davanti a un foglio sempre più bianco impossibile da riempire. Niente e nessuno vi costringe a farlo ma siamo sicuri che scrivere ascoltando le vostre emozioni vi permetterà di guarire pian piano. Provate a dare un’occhiata alle lettere che seguono e forse riuscirete a trovare la chiave giusta per poter iniziare a mettere nero su bianco ciò che provate, magari anche per ricordare vostra madre in un momento particolare.

“Per te, mamma, che sei lassù”: lettera di compleanno alla mamma morta

Auguri, mamma.
Non sai quanto ti sento vicina in giorni come questo. Nessuno, sai, potrà mai separarci, come mi ripetevi sempre e continui a ripetermi a modo tuo: sento la tua voce ogni giorno e suona come la più bella delle melodie; sento la tua mano sulla guancia che mi accarezza e mi fa sentire protetta. Sento tutto di te. Non vivrò mai un giorno in solitudine, mamma, perché ci sarai tu a tenermi per mano, come da bambini.

Sai quando ti sento più vicina? Quando il mondo sta per crollarmi addosso e le difficoltà sembrano prendere il sopravvento: tu, da vera mamma quale sei sempre stata, ne sorreggi il peso. Oggi, nel meraviglioso giorno del tuo compleanno, voglio ricordarti che ovunque sarai e ovunque saremo, come tu ci sei sempre stata e ci sei tutt’ora, anche io ci sarò sempre per te. I nostri mondi, seppur così diversi e fisicamente lontani, continueranno ad abbracciarsi e a riscaldarsi grazie al nostro eterno amore. Sarebbe stato bello vederti qui, col vestito che avresti messo per le occasioni speciali, a spegnere le candeline… Oggi lo farò io per te, e tu, attraverso me, potrai esaudire qualsiasi desiderio.

LEGGI ANCHE  Lettera lunga per la mamma

E se pensi che non abbia trovato il modo per ringraziarti sappi che ti sbagli di grosso: ricordando sempre agli altri chi eri, non faccio altro che portarti qui da noi, farti rivivere e risplendere! No, non mi chiuderò mai a riccio, anzi cercherò di sorridere come mi hai sempre insegnato, e ogni mio sorriso sarà il tuo. Ti amo, mamma. Buon compleanno!

Lettera per la mamma morta scritta dai figli: una dedica d’amore infinito

Ciao, mamma. Quanto ci manchi. Eri il nostro tutto e adesso ti vediamo ovunque: nei sorrisi dei bambini, in una stella che brilla solitaria, in un tramonto rosso fuoco che scalda il cuore, nei nostri momenti migliori. Quelli peggiori? Ci aiuti ad affrontarli perché ci hai lasciato una grande forza, un coraggio smisurato e un amore così forte che non ci farà mai crollare.

Grazie a te, mamma, abbiamo capito cos’è importante nella vita: bisogna lottare per le persone che si amano, per i propri sentimenti, gli ideali, i sogni. Non sei stata una maestra, ma una guida e adesso ancor più di prima. Da quando sei volata in cielo, risuonano con più intensità le tue parole per noi, i tuoi consigli che ci hanno resi grandi… e siamo certi che sarai orgogliosa di come siamo diventati.

Vivere senza una mamma, soprattutto senza una mamma come te, non è una passeggiata, lo ammettiamo. Tante volte è difficile ma ci facciamo forza perché siamo fortunati a sentirti qui, viva nei nostri cuori: ovunque ti dovessi trovare in questo momento, sappiamo che ci osservi e che a tuo modo ci aiuti a superare le difficoltà di tutti i giorni.

LEGGI ANCHE  Lettera per ricordare una persona speciale

Sembra quasi che tu non sia mai andata via. Anzi, è sicuro che tu non lo sia: ci mancano i tuoi abbracci ma capita che quando chiudiamo gli occhi tu arrivi in punta di piedi, come hai sempre fatto, a rimboccarci le coperte e a darci il bacio della “buonanotte”. Per te, lo sappiamo, saremo sempre i tuoi bambini da accudire, e tu, mamma, non smetterai mai di essere la nostra regina dal cuore grande.

“Alla mia mamma in cielo”: lettera a una mamma morta di tumore

Mamma, questo nome risuona ancora. Anche se non ci sei più. O almeno così dicono gli altri. Io, invece, ti sento sempre accanto a me. Non è stato facile dirti addio, e so bene che lo sai. Ma ho dovuto farmi forza, ho dovuto combattere con te quel tumore che ci ha rubato giorni felici, che ci ha fatto versare fiumi di ingiuste lacrime, ma che ci ha permesso anche di capire quanto grande sia il sentimento che ci lega.

Quando capisci che una mamma potrebbe andarsene da un momento all’altro, fai di tutto affinché ogni giornata sia speciale, nascondendo il dolore che ti fa a pezzi il cuore e il fisico. Insieme, però, siamo stati forti. Non sapevamo come sarebbe andata a finire, abbiamo nutrito fino all’ultimo momento la speranza, ma la vita sa anche essere ingiusta; e ora, accanto a me, non ti vedo più. Ma ci sei. Sì, ci sarai sempre, mamma. Se così non fosse, non ti avrei mai scritto questa lettera e ricordare quanto importante sia il nostro amore, che accorcia qualsiasi distanza.

“Mamma” è una parola che non smetterò mai di pronunciare: è la prima che ho imparato ed è l’ultima che dirò. “Mamma” è il suono che farà da colonna sonora della mia vita. Ti cerco in ogni gesto delle persone, mamma, in ogni frase, in loro sorriso e devo ammettere che qualche volta ti rivedo e il mio cuore piange di felicità.

LEGGI ANCHE  Festa della Mamma, lettera per bambini e scuola primaria

Il tumore ci ha distrutto, è vero, ha avuto lui la meglio. Ma non è riuscito a cancellare l’amore che ci lega e che ci legherà per sempre. Una malattia capace di piegare il corpo, ma non i sentimenti, che hanno qualcosa di divino inspiegabile a parole. Ti amerò per sempre, mamma, e so che lo stesso varrà per te. Questa malattia non ha spezzato, neanche scalfito, il nostro legame.

Lascia un commento